Quando la moto è donna! Oltre le gomme c’è di più!

0
110
https://worldsbkstore.com/index.php

Weekend tinto di rosa quello appena trascorso nel mondo dei motori e diciamo pure in maniera clamorosa.

Ana Carrasco, che in SSP300 si è portata a casa non solo il titolo mondiale, ma anche il primato di essere stata la “prima donna” a vincerlo gareggiando ad armi pari con i maschietti e Kiara Fontanesi che con quello di ieri di mondiali vinti ne raggiunti ben sei!

“Appena ho tagliato il traguardo non sapevo ancora di aver vinto il campionato, ho cercato di guardarmi intorno per capire cosa stesse succedendo. Quando sono arrivata in curva 5, ho visto i fotografi che mi cercavano; allora ho chiesto se davvero avessi vinto io il titolo e loro me lo hanno confermato. In quel momento mi sono commossa pensando a quanto fosse pazzesco ciò che mi stava succedendo”.

Così ha timidamente commentato la ventunenne di Murcia il risultato ottenuto ieri sulla pista di Magny-Cours.

 

Queste invece le parole di Kiara:

“E’ incredibile vincere qui, davanti al pubblico di casa. E’ un titolo in parte inaspettato e quindi ancora più speciale. Avevo iniziato la stagione senza pensare al campionato, bensì a vincere quante più manche possibile. E ora sono davvero orgogliosa del traguardo appena raggiunto”.

 

Due specialità diverse, due ragazze molto diverse, ma con la stessa sensibilità che le ha portate ad avere, in un giorno dove avrebbero potuto essere le uniche protagoniste, un pensiero per chi non c’è più o per chi sta soffrendo, così Ana ha dedicato il titolo allo sfortunato Louis Salom e Kiara è andata a Montecatone a trovare l’infortunato Bryan Toccaceli.